Share on facebook
Share on whatsapp
Share on email

Gli obiettivi

Dormire fuori casa, a maggior ragione insieme agli amici, è molto più che un’esperienza: è una vera e propria avventura!

Come tale richiede preparazione, programmazione ma anche un pizzico di coraggio, a qualsiasi età. Lo scopo di questo progetto è quello di fornire ad ognuno la possibilità di potersi sperimentare fuori dal contesto domestico, allenandosi quindi a generalizzare tutti gli apprendimenti che sono stati consolidati a casa.

Il tutto ovviamente ponendo al primo posto il piacere di stare con gli altri e l’entusiasmo che solo il sentirsi autonomi e grandi sa dare!

Le attività

Abbandonare, anche se solo per una notte, le proprie routine, i propri riferimenti, anche le proprie comodità, è qualcosa che spaventa, che lascia interdetti, che in alcuni casi si fa fatica anche a comprendere e ad accettare.

Il senso di questo progetto risiede proprio nel far comprendere ad ognuno come fare esperienza delle proprie capacità al di fuori della propria cameretta ti renda più consapevole e più forte anche quando vi rientri e, allo stesso tempo, far esercitare i genitori in quel compito così complesso che riguarda il fidarsi dei propri figli, nel senso di avere fiducia nelle loro abilità, nel loro adattamento, nel fatto che riusciranno a godersi quello che a volte sembra un salto nel vuoto. 

Alla base di questo progetto vi è come sempre un’analisi dei bisogni della famiglia e delle necessità specifiche del ragazzǝ, non solo rispetto al sonno. Le attività che vengono pensate seguono il doppio binario del valutare ed insegnare abilità nuove relative all’autonomia personale e all’autodeterminazione (farsi un letto, cura e igiene personale, ma anche prenotare un ristorante per la cena o un cinema) e quello del garantire appunto un’esperienza gradevole, divertente, rilassata. 

L’obiettivo del progetto non è garantire le otto ore di sonno auspicabili per ogni partecipante, ma quello di permettere ad ognuno di poter contribuire a creare un contesto il più adatto a fargli esprimere le sue esigenze e quindi pronto ad accoglierle, oltre che a sentirsi a proprio agio e accolto dal gruppo di cui fa parte.

Incontra gli specialisti

centro allenamente jacopo

Jacopo Palmucci

Psicologo, psicologo dello sport

Potrebbe interessarti anche